CLARINETTO

OFFICINE PSYCHO

 
Note rotolano e rimbalzano su lamiere e tamburi come elettrici ippocampi sulla scia di draghi d'acciaio e frustate di luce, volti sporchi di paura in processione, danze violente di soldati in guerra senza un re, deserti di suono pietrificato, silenzio primordiale incarnato, caduta nel tempo, liturgie sghembe e metalliche dell'alienazione quotidiana, occhi innocenti nel rumore bianco di mille fabbriche, un'ara in fiamme, offesa, in un inquieto concerto di neve mentale".
Sonorità incontrano l'immagine in una 'visione' che trascende le consuete rotte musicali per avventurarsi sui sentieri folgoranti dell'improvvisazione.